/ Articoli / Un lavoro che dà tanta energia: si cercano tecnici per gli impianti di biomasse

Un lavoro che dà tanta energia: si cercano tecnici per gli impianti di biomasse

Monaldo Giampara on 23/09/2020 - 10:18 in Articoli, Imprenditoria, Italia, News, Uncategorized

Quello del biogas sembra uno dei pochi settori che non stanno risentendo della crisi innescata dal  Covid-19 e che ha portato il tasso di disoccupazione all’8,3% (dato Istat): a  Piacenza, un’azienda specializzata nell’assistenza tecnica su questo tipo di impianti, la Rgs, è alla ricerca di nuove figure professionali da inserire nel proprio organico.

Stiamo selezionando tecnici manutentori – spiega Remus Gaita, amministratore della societàper fare assistenza tecnica sugli impianti di biogas e cogenerazione. Si tratta di impianti molto complessi con un’elevata componente tecnologica, per cui le figure che cerchiamo devono avere esperienza e conoscenza almeno in uno di questi settori: meccanico, elettrotecnico, informatico, termoidraulico”.

Gli impianti biogas sono delle vere e proprie centrali elettriche, che, attraverso il funzionamento di un motore endotermico, generano energia elettrica e termica. Una manutenzione adeguata è fondamentale, anche perché gli impianti durante il funzionamento si trovano ad operare con diversi materiali che hanno caratteristiche molto diverse: letame, liquame, pollina, siero lattiero-caseario, scarti vegetali, sottoprodotti agricoli ed insilati. Ogni impianto è unico: è composto da una serie di attrezzature e macchinari ogni volta differenti, e per prevenire guasti e blocchi è necessario che la manutenzione ordinaria venga personalizzata sui singoli elementi.

I tecnici della Rgs per prima cosa effettuano lo screening, ovvero un censimento di tutte le apparecchiature che compongono l’impianto, e in questo modo sono in grado di conoscere sempre con certezza quali sono le criticità e come intervenire. Procedono quindi con il reset, cioè eliminano gli eventuali guasti e i fattori che provocano una funzionalità ridotta o non ottimale, in modo da ripristinare le condizioni originarie di funzionamento. L’ultima fase è quella del maintenance, ovvero la pianificazione degli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria.

Le figure che stiamo cercando” spiega ancora Gaita,oltre a possedere le conoscenze tecniche, devono rispondere a caratteristiche ben precise. In particolare, devono possedere quelle competenze trasversali che consentano di lavorare in squadra, essere responsabili e orientati al risultato in un’ottica di miglioramento continuo per raggiungere il nostro obiettivo comune, ovvero la soddisfazione del cliente”.

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.